Come liberarsi dei punti neri

Compresi i migliori trattamenti per la rimozione dei punti neri.

Sebbene in generale i brufoli non siano piacevoli, i punti neri possono essere tra i più fastidiosi da affrontare: sono abbondanti, difficili da nascondere e continuano a tornare. “I punti neri, che sono medicamente noti come comedoni aperti, sono pori pieni di olio o sebo, e cellule morte della pelle”, spiega il dermatologo Piero Giorgio. La miscela oleosa si trova all’apertura superficiale del poro, dove viene ossidata dall’aria e diventa di colore nero o grigio.

I punti neri e i punti bianchi sono in genere i primi segni di acne, spiega il Dottore. La differenza principale tra loro è che i punti neri appaiono scuri perché i pori sono aperti, mentre “i punti bianchi sono comedoni chiusi, il che significa che la superficie del follicolo ostruito è ricoperta da un sottile strato di pelle, creando un colore più chiaro”.

Ma prima di mettere le dita in posizione per spremere quei punti neri (sì, va bene; vedi sotto per il modo più sicuro!), Gli editori hanno intervistato i migliori dermatologi sulle cause dei punti neri e su come sbarazzarsi anche dei punti neri più profondi sul naso , guance, schiena e altro:

Innanzitutto, cosa causa i punti neri?

Secondo il Dr. Funaro, i punti neri hanno molte cause sottostanti. “Sono più comunemente osservati durante la pubertà, quando gli ormoni portano all’aumento della produzione di sebo o olio e il poro si ostruisce”, spiega. “Gli ormoni possono anche fluttuare e causare punti neri durante le mestruazioni mensili, la gravidanza e in quelli con sindrome dell’ovaio policistico o altre sindromi ormonali dove c’è un eccesso di androgeni”.

Altri fattori possono includere l’assunzione di steroidi, l’uso di indumenti stretti e cappelli o caschi durante la sudorazione (si pensi agli atleti) e l’uso di creme spesse e occlusive o prodotti a base di olio che possono ostruire i pori. Anche la genetica gioca un ruolo, afferma il Dr Piergaschi “La dimensione dei pori è determinata dalla genetica e quelli con pori più grandi sono più inclini ad avere punti neri”.

Quali sono i migliori trattamenti per i punti neri?

Esistono molti modi per trattare e prevenire i punti neri, ma in generale, si consiglia di “usare costantemente detergenti medicati o prodotti per il trattamento che aiutano a rompere i depositi all’interno dei pori, indipendentemente dal fatto che i punti neri siano sulle guance o sulla schiena”, afferma il Dr Montebigio. Ecco i migliori ingredienti e formule per il trattamento dei punti neri da cercare:

1. Usa un detergente quotidiano con acido salicilico

LA ROCHE POSAY – EFFACLAR GEL SCHIUMOGENO PURIFICANTE PELLE GRASSA E SENSIBILE

20,98 €

Innanzitutto, cerca ingredienti attivi come l’acido salicilico, ideale per rimuovere punti neri. “Poiché è solubile in olio, è in grado di penetrare in profondità nei pori e nelle ghiandole sebacee per rompere i depositi di grasso e il sebo”. Si consiglia di usarlo in un detergente quotidiano, come il detergente gel medicato Effaclar di La Roche-Posay.

2. Oppure prova un lavaggio del viso con perossido di benzoile

CeraVe, detergente schiumoso per il viso

19,99 €

Un’altra opzione efficace e leggermente più potente per i punti neri è il perossido di benzoile, popolare anche in detergenti come CeraVe Acne Foaming Cream Cleanser. Aiuta a dissolvere le cellule morte della pelle sopra la parte superiore del brufolo, contribuendo ad aprirlo. Bisogna essere attenti a non utilizzare più di quanto raccomandato sulla confezione del prodotto, in quanto ciò può seccare e irritare la pelle.

3. Applicare potenti retinoidi per una pulizia profonda dei pori

Crema idratante al retinolo 2,5% per la zona del viso e degli occhi con vitamina C e acido ialuronico

15,99 €

Se tutto il resto fallisce, i retinoidi e il retinolo (una versione più mite), entrambi derivati della vitamina A, possono essere estremamente efficaci nel trattamento dei punti neri. “I retinoidi cambiano il modo di essere delle cellule della pelle che si sviluppano dall’interno verso l’esterno, per prevenire l’ostruzione dei pori e la formazione di acne”, spiega il dott. Piero Giorgio. I retinoidi sono disponibili sia in farmacia che in parafarmacia senza prescrizione. (Bonus: aiutano anche a ridurre la comparsa di rughe e rughette).

4. Usa il vapore per estrazioni accurate

Inizia con una sauna al viso per aprire i pori, poi usa due tamponi di cotone o un estrattore di comedone per premere delicatamente sui lati del comedone. Non usare le mani, in quanto ciò può introdurre batteri e portare a infezioni.

5. Prova un approccio in due fasi per eliminare i punti neri durante la notte

Marchio Amazon – Belei – Siero all’acido salicilico 2%

8,12 €

Per aiutare i punti neri a scomparire al mattino, si raccomanda un processo in due fasi:

Si usa prima una striscia di pori e poi applicando un gel di acido salicilico prima di andare a letto.

Se hai punti neri sulle guance, sii gentile. “Ricorda che questa pelle sarà un po’ più secca e forse più sensibile all’acido salicilico, ai retinoidi o al perossido di benzoile rispetto al resto della pelle. È possibile utilizzare questi ingredienti, ma in quantità minori in modo da non seccare o irritare la pelle.

6. Usa le strisce per rimuovere i punti neri ostinati dal naso

Bioré, Strisce adesive Clear Up

8,53 €

Prova le strisce per i pori, come le strisce standard per i pori Bioré Original Deep Cleansing. Questi cerotti a forma di maschera aderiscono alla pelle del naso e, mentre si asciugano, l’adesivo si attacca a olio, sebo e cellule morte della pelle, che vengono rimosse quando si rimuove la striscia. Tuttavia, possono essere irritanti, quindi procedi con cautela se hai la pelle sensibile o soffri di rosacea. Se sei incline ai punti neri sul naso, usa regolarmente un detergente o un siero con acido salicilico su quest’area in modo da prevenirli.

E per i punti neri sulla schiena e sul corpo?

Garnier Pureactive Intensive Crema Detergente Ultra-Esfoliante Anti-Brufoli

5,19 €

Per i punti neri sulla pelle della schiena, “Consiglio di usare un detergente viso o corpo al perossido di benzoile sotto la doccia ogni giorno”, dice il Dr. Piergaschi. “Lascialo riposare sulla pelle per un minuto o due prima di lavarlo via.” Suggerisce di provare una formula che contenga il 5% di benzoile perossido per iniziare, quindi passare a una percentuale più alta se la tua pelle può tollerarlo senza irritazione. Se il perossido di benzoile asciuga troppo, applica invece un lavaggio con acido salicilico.

Un’altra opzione: prima di andare a letto, stendere uno strato sottile di gel o crema retinoide sulla zona, iniziando a sere alterne per evitare irritazioni. (Se non riesci a raggiungere la schiena, chiedi a qualcuno che ti aiuti ad applicare la crema o prova un applicatore di lozione per la schiena.) Per i più testardi punti neri, visita un dermatologo: il Piergaschi suggerisce un peeling Jessner, che contiene un mix di alfa e beta idrossiacidi per esfoliare in profondità la pelle e curare l’acne.

Quali trattamenti per la rimozione dei punti neri dovrei evitare?

Se un punto nero è di grandi dimensioni o resiste alla rimozione, non provare a fare il fai-da-te. “Per i punti neri super profondi, dovresti vedere un dermatologo o un estetista, poiché hanno strumenti speciali che possono estrarre in sicurezza la sporcizia intrappolata nei tuoi pori”, spiega il dott. Piero Giorgio. “Non provate a rimuoverli da soli, poiché ciò può causare traumi e cicatrici sulla pelle”.

Come posso prevenire i punti neri?

Anche se non puoi sbarazzarti dei punti neri in modo permanente (mi dispiace!), puoi mantenere un aspetto costante con una routine di cura della pelle che incorpora i suggerimenti di cui sopra per evitare che spuntino quelli futuri.

Altre cose da fare:

Rimuovi sempre il trucco di notte.

Lavati il ​​viso due volte al giorno.

Assicurati di affrontare eventuali problemi ormonali sottostanti, se possibile.

Elimina qualsiasi crema densa e occlusiva, trucco o prodotti per capelli se pensi che potrebbe essere una causa sottostante.

Leave a Reply